Verbale del Direttivo n. 3/2018

Verbale della seduta del Consiglio Direttivo P.E.R. del 20 giugno 2018

La seduta si apre alle ore 17.30 presso la sede della Fondazione di Venezia con il seguente ODG:

  • punto della situazione dopo la giornata Arte/Città del 9 giugno scorso
  • programmazione delle giornate P.E.R. autunnali

Sono presenti Madricardo (presidente), Puppa, Varotto, Baù, Moldi Ravenna, Falchetta (segretario), Robbe, Jovon; assenti: Zagatti, assenti giustificati: Brait, Sega, De Luigi; assente in quanto dimissionario: Fugagnoli

Il Presidente constatata l’esistenza del numero legale, comunica le dimissioni di Fugagnoli dal CD pervenute a mezzo comunicazione scritta. Le dimissioni motivate dalla impossibilità del presentatore di dare un contributo significativo ai lavori del Direttivo, vengono accolte.

Propone una valutazione delle attività recenti: per quel che riguarda le attività teatrali intorno al tema del “Mercato di Venezia” [d’ora in poi: TM], la prima delle tre  “Giornate P.E.R di primavera”, sottolinea una riuscita andata oltre le previsioni, sia per la partecipazione, sia pe la qualità dell’evento. Propone che i 9 monologhi risultati dalla giornata siano rielaborati e collegati allo scopo di pervenire a uno spettacolo coerente. Per quanto riguarda l’altro laboratorio teatrale, quello di Veniceland, sottolinea comunque la difficoltà di trovare attori partecipanti con continuità.

Puppa ritiene che il carattere autogestito dell’iniziativa TM garantisca una maggiore elasticità e facilità di ripresa e di continuità.

Robbe accenna alla possibilità di allestire una performance nell’ambito delle attività di San Servolo e s’incarica di verificarne la possibilità. Introduce inoltre il tema della traduzione inglese dei testi onde renderli accessibili anche a un pubblico straniero

Presidente esplicita come le attività teatrali siano indirizzate alla creazione di un teatro di cittadinanza che consiste nel coinvolgimento dei partecipanti in tutte le fasi dell’elaborazione e della performance, e prospetta l’istituzione di un “teatro di cittadinanza” come infrastruttura della città consapevole, struttura dal carattere permanente per la riflessione, l’elaborazione e la rappresentazione dei problemi della città. Tale progetto può  costituire parte  del programma di lavoro per le giornate P.E.R. autunnali.

La riuscita della giornata Arte/Città – seconda delle giornate P.E.R di primavera - è considerata in modo positivo dai membri del CD, sia per i contenuti che per la partecipazione. Viene valutata una totale di circa 80 presenze la mattina e di circa 50 al pomeriggio. Considerato che tra la prima e la seconda sessione c’è stata una certa turnazione,  si valuta che complessivamente la partecipazione  alla giornata sia stata intorno al  centinaio di persone. Ricorda che il 23 giugno – come da locandina - si terrà la terza e ultima delle “Giornate P.E.R. di primavera: il seminario  allo spazio Micromega  su “A che punto è la questione di Venezia” (vedi nota in calce*).

Il Presidente prefigura la possibilità della creazione di strutture di appoggio che consentano la continuazione e il consolidamento delle attività Arte/Città nelle giornate P.E.R. di autunno.

Per quel che riguarda il tema della rete di associazioni, Robbe propone la domanda su come capire il modo migliore per far confluire in rete le attività più interessanti promosse dalle varie associazioni. Suggerisce la possibilità di invitare alcune realtà associative e non a condividere informazioni e iniziative che possano essere di interesse generale unitariamente, eventualmente attraverso un blog riservato. L'associazione Eddyburg, che già oggi vanta un archivio con documenti e rassegna stampa su alcuni temi e problemi su Venezia, è disponibile a condividere il suo blog e la sua esperienza redazionale, e metterebbe a disposizione il suo sito (che ha diffusione nazionale) per creare una sezione specifica  su Venezia (come sta cercando di costruirne su altre città).  È stato già verificato un interesse di massima di altre associazioni, ad esempio la Vida accanto, Italia Nostra, Venezia Cambia. Altre se ne potrebbe coinvolgere dopo aver cominciato a ragionare su  finalità, linea editoriale, responsabilità. Da verificare eventualmente anche, se si dovesse decidere di utilizzare la sua piattaforma, le condizioni di Eddyburg.

Il Presidente ricorda che già nel sito di P.E.R.( http://perveneziaconsapevole.it/it )esiste una rubrica, intitolata “La piazza” in cui vengono riportati i principali eventi promossi dalle altre associazioni. D’altra parte, per quanto  riguarda il funzionamento interno di P.E.R. prende atto del mancato funzionamento dei gruppi, originariamente previsto quale assetto istituzionale dell’associazione.

Puppa ritiene che lavori da svolgersi di volta in volta su singole attività e progetti siano la prospettiva più realistica.

Il Presidente ricorda che a termini di legge è venuto il momento di registrare l’associazione. Inoltre è in programma la trascrizione degli interventi della giornata Arte/Città. Comunica che è stato stipulato un contratto tra il Patto e i Servizi Sociali del Comune per l’utilizzo delle prestazioni di 2 persone che potranno essere destinate in particolare alla creazione di una newsletter del Patto. Propone inoltre che il termine per il pagamento della quota associativa sia rinviato al 15 dicembre di ogni anno. Il CD approva.

Puppa: per quanto riguarda le attività che costituiranno materia per le giornate autunnali di P.E.R. propone di approfondire la tematica di TM; propone inoltre l’istituzione di un archivio visivo (filmati) anche per poter diffondere materiali da far conoscere in modo mirato a persone ed enti (p. es.: Ateneo Veneto) e a soggetti teatrali (p. es.: teatro di S. Marta).

Robbe: illustra il progetto di collaborazione, finanziato dalla Regione Veneto, con il Liceo Guggenheim per la realizzazione di 3 corti riuniti sotto il titolo “Frammenti Veneti”, dedicati al passato, presente e futuro della città. Possibile innesto dell’esperienza TM?

Varotto illustra il rendiconto di cassa, nella quale vi sono attualmente circa 1000 €, 800 dei quali sono tuttavia già impegnati nelle spese per le Giornate P.E.R. di primavera.

Jovon fa notare che alcuni caratteri e termini organizzativi dei P.E.R. si sono modificati nel tempo, e che di ciò si dovrebbe dare pubblicamente conto illustrando il percorso svolto fin qui da P.E.R. Il lavoro realizzato  nella giornata del 9 giugno su Arte e Città, troverà una sua continuità nell’incontro del 26 giugno.  Sarà un momento di ulteriore aggregazione per pensare insieme agli sviluppi del progetto “La Città è Arte, l’Arte si fa Città”

Varotto propone un’assemblea generale su questo sul primo punto proposto da Jovon.

La seduta si conclude alle ore 19 con l’indicazione di una data provvisoria intorno alla metà di settembre per la prossima seduta del CD.

 

Il Presidente                                                                                     Il Segretario

*nota: al momento della diffusione del verbale la terza e ultima delle “Giornate P.E.R.” si è già tenuta ed il suo esito, che verrà pubblicizzato nel sito, è considerato molto soddisfacente.

 

Verbali: 

Tags: 

Data : 

Thursday, 28 June, 2018 - 23:00